Ci sarebbe da ridere...

Si dice ultimamente che non si deve guardare all'ideologia, o pensare ideologicamente a qualcosa, perché essa è foriera di slogan e non di proposte concrete. Lo dice il Movimento 5 stelle fin dalla sua fondazione, tanto che l'espressione «né di destra, né di sinistra» è entrata nel frasario di chiunque simpatizzi o militi nel movimento. Lo dice la Lega, già Lega Nord, che bisogna guardare «alle cose concrete». Lo dice, ovviamente, anche il PD. Se mi mettessi a cercare bene nei comunicati stampa pre-elettorali sono sicuro che riuscirei a prendere anche una dichiarazione di LeU (sempre che esista ancora), di Fratelli d'Italia o Sinistra Italiana in cui ognuno di essi si dice postideologico. Oltre l'ideologia, ovvero: adesione totale al pensiero dominante. Lo stesso Salvini, il 2 maggio, in visita a Euroflora, riguardo la formazione del governo, se ne uscì con «saremo un governo liberale e democratico» (dal 12:30 https://www.radioradicale.it/riascolta?data=2018-05-02). 
Si auto-identificano oltre-ideologici tutti gli esponenti politici dell'arco parlamentare, in buona sostanza. 
Osservare dall'esterno quel che accade all'interno dei palazzi è molto istruttivo e certamente formativo: recentemente il PD ha ingaggiato la battaglia contro «il governo liberista» (vd fine post) di Lega e 5 Stelle, è sceso in piazza per «Difendere la Costituzione» e inizierà «un'opposizione dura». Non spetta a me babbiàre (come scriverebbe Camilleri) un'organizzazione politica che fino a 6 mesi fa iniziava una polemica stucchevole e inutile riguardo il referendum costituzionale. A nessuno sfuggirà il polverone alzato dal (fortunatamente) ex Ministro Boschi quando disse dei «veri partigiani che vogliono il cambio costituzionale» contro le forze «neofasciste e populiste che la vogliono immutata». Fosse un paese normale i commentatori politici, gli editorialisti e perfino gli showman che si dicono giornalisti, coi loro programmi urlati in prima serata che tanto piacciono alla gente, commenterebbero che al peggio non c'è mai fine e riderebbero di iniziative tardive e risibili come i tweet del Pd contro il "governo liberista" di cui sopra. Come se il governo Letta-Renzi-Gentiloni fosse stato il socialismo.
Ci fossero ancora giornalisti (o anche politici) che interpretino ideologicamente i fatti, ci sarebbe da ridere. Purtroppo c'è solo da piangere.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia qui il tuo commento

Sostien(i) Piccinelli

Clicca qui per sostenere il blog e chi lo cura #sostienipiccinelli.