Una gran bella faccia o un numeroso gruppo di seguaci di Epimeteo (*)

Sabato, pomeriggio fortunatamente non torrido come l'estate impone. Controllo le e-mail e una  in particolare cattura la mia curiosità: l'oggetto recita «Appello 2018». Clicco: «Lettera aperta a Stefano Fassina».
'Annamo bene,' penso soralellisticamente.

Trattasi di una mail inviata ad uno sconosciuto, ma si presuppone imponente, numero di destinatari ignari (compreso il sottoscritto) contenete una lettera firmata da un vasto numero di attivisti, giornalisti ed aderenti a vario titolo alla vasta e complessa area della sinistra romana e laziale. I firmatari chiedono, attraverso la formula della lettera aperta al Consigliere comunale, Deputato, già candidato Sindaco, Stefano Fassina (come si può intuire, dunque, figura una e trina), le dimissioni in favore di Sandro Medici, che subentrerebbe al posto dell'ex PD.

Al netto di affermazioni fallaci e risibili atte a giustificare la lettera, quali la convinzione dei firmatari di considerare la lista kaleidoscopio Sinistra per Roma una «delle poche realtà unitarie, che, pur tra contraddizioni e rallentamenti, continua a essere un riferimento politico riconosciuto e riconoscibile», il resto della missiva è davvero da stand-up comedy. 
Riporto, di nuovo, testualmente: «riteniamo sia necessario avvicendare le diverse cariche elettive, talché anche altre sensibilità politiche possano misurarsi (ed essere misurate) sul piano della rappresentanza istituzionale. Chiediamo pertanto a Stefano Fassina, di cui apprezziamo l’equilibrio e la qualità con cui ha finora svolto il suo ruolo di consigliere comunale a Roma, di dedicarsi alla sola funzione parlamentare, brillantemente confermata con il recente voto del 4 marzo. E in tal modo consentire a Sandro Medici, primo dei non eletti e depositario di cospicui consensi, di proseguire in Campidoglio il percorso istituzionale di Sinistra per Roma. Come nei confronti di Fassina, riconosciamo in Medici una spiccata sensibilità unitaria, oltreché un’analoga qualità politico-amministrativa, che siamo sicuri valorizzeranno ulteriormente il lavoro fin qui compiuto».

Non una critica sul comportamento autocratico di Fassina in Assemblea Capitolina.
Non una posizione di autocritica sulla scelta sbagliata, ideologicamente fallace, controproducente, autolesionista (e chi più ne ha più ne metta) di candidare a sindaco di Roma un già esponente di primo piano del PD (che quando provava ad essere di sinistra gli riusciva davvero male: qui un esempio https://www.youtube.com/watch?v=y4Irwt1r3QY).
Dopo aver sostenuto ed eletto Fassina, costoro, l'intellighenzia della sinistra romana (si fa ovviamente per dire) gli chiede di farsi da parte non per quello che non ha realizzato o fatto male, ma per «avvicendare le diverse cariche elettive, talché (congiunzione di cui spesso ne fanno uso gli abitanti di Finocchio o Borghesiana) altre sensibilità politiche» possano entrare in consiglio. Una motivazione evidentemente che confuta una delle tesi portanti della lettera, ovvero, l'esperimento unitario della lista in questione.

Un meraviglioso gioco di rivendicazioni personali spacciato per "lotta politica" o "rivendicazione legittima". Tutto questo per non ammettere i propri errori o anche uno solo: quello d'aver candidato Fassina a sindaco di Roma. Ben gli sta (quannocevòcevò) a questi meravigliosi seguaci di Epimeteo.



(*) Epimeteo, figura mitica greca, è il fratello di Prometeo. Epimeteo significa, letteralmente, colui che pensa dopo. Prometeo, invece, colui che pensa prima.

Reddito di sudditanza

Il reddito di cittadinanza del Movimento 5 Stelle è diventato lo scalpo da agitare dinanzi agli elettori che parrebbero iniziare a storcere la bocca di fronte all'alleanza con Salvini. Neanche troppi per la verità, ma in momenti di magra elettorale meglio tenersi buoni anche le piccole sacche di elettorato. Il grande mantra del pentastellismo militante, tuttavia, incontra ripetutamente ostacoli proprio a causa di quell'alleanza di cui sopra: la trazione leghista del Governo è evidente, altrimenti non si spiegherebbe il ruolo così rilevante in un esecutivo di un partito arrivato, comunque, sotto al 20% a livello nazionale. 
È molto difficile, per chi scrive, comprendere come un governo venga detto "del cambiamento" con ministri berlusconiani e leghisti e dall'altra una forza politica certamente opportunista ma che ha fondato il suo consenso proprio sulla contrapposizione corruzione/legalità, dove il primo termine di paragone è rappresentato in primis dalle forze di centrodestra. Dal PD si affrettano, senza poca fantasia e minima elaborazione (dalle parti del Nazareno non c'è mai stata), a bollare come "marxista" il reddito di cittadinanza. Col marxismo la proposta del cinque stelle c'entra veramente poco. Tuttavia è bene chiamarla per quello che è: reddito di sudditanza. L'obiettivo finale è rappresentato dai consumi, non dal lavoro: il sussidio viene elargito solo per far ripartire i consumi, dunque in un'ottica tutta capitalistica  e consumistica che niente ha a che fare con la (ri)collocazione o l'occupazione nel vero senso della parola. Quello che fa davvero paura al capitale è la piena occupazione, il lavoro e la lotta per il salario minimo a parità di ore lavorate. Il reddito è solo di sudditanza, altro che cittadinanza.

Ci sarebbe da ridere...

Si dice ultimamente che non si deve guardare all'ideologia, o pensare ideologicamente a qualcosa, perché essa è foriera di slogan e non di proposte concrete. Lo dice il Movimento 5 stelle fin dalla sua fondazione, tanto che l'espressione «né di destra, né di sinistra» è entrata nel frasario di chiunque simpatizzi o militi nel movimento. Lo dice la Lega, già Lega Nord, che bisogna guardare «alle cose concrete». Lo dice, ovviamente, anche il PD. Se mi mettessi a cercare bene nei comunicati stampa pre-elettorali sono sicuro che riuscirei a prendere anche una dichiarazione di LeU (sempre che esista ancora), di Fratelli d'Italia o Sinistra Italiana in cui ognuno di essi si dice postideologico. Oltre l'ideologia, ovvero: adesione totale al pensiero dominante. Lo stesso Salvini, il 2 maggio, in visita a Euroflora, riguardo la formazione del governo, se ne uscì con «saremo un governo liberale e democratico» (dal 12:30 https://www.radioradicale.it/riascolta?data=2018-05-02). 
Si auto-identificano oltre-ideologici tutti gli esponenti politici dell'arco parlamentare, in buona sostanza. 
Osservare dall'esterno quel che accade all'interno dei palazzi è molto istruttivo e certamente formativo: recentemente il PD ha ingaggiato la battaglia contro «il governo liberista» (vd fine post) di Lega e 5 Stelle, è sceso in piazza per «Difendere la Costituzione» e inizierà «un'opposizione dura». Non spetta a me babbiàre (come scriverebbe Camilleri) un'organizzazione politica che fino a 6 mesi fa iniziava una polemica stucchevole e inutile riguardo il referendum costituzionale. A nessuno sfuggirà il polverone alzato dal (fortunatamente) ex Ministro Boschi quando disse dei «veri partigiani che vogliono il cambio costituzionale» contro le forze «neofasciste e populiste che la vogliono immutata». Fosse un paese normale i commentatori politici, gli editorialisti e perfino gli showman che si dicono giornalisti, coi loro programmi urlati in prima serata che tanto piacciono alla gente, commenterebbero che al peggio non c'è mai fine e riderebbero di iniziative tardive e risibili come i tweet del Pd contro il "governo liberista" di cui sopra. Come se il governo Letta-Renzi-Gentiloni fosse stato il socialismo.
Ci fossero ancora giornalisti (o anche politici) che interpretino ideologicamente i fatti, ci sarebbe da ridere. Purtroppo c'è solo da piangere.

Il Capitale agisce: isteria e lucida razionalità

Lo spread visto da Diego Bianchi - Zoro (fonte: «Il Post»).
Lo spread è altissimo, lo spread si abbassa, lo spread aumenta e si stabilizza: 187 punti base. «Dobbiamo aver paura?», chiedeva qualche giorno fa Giovanna Reanda di Radio Radicale ad un giornalista di «Avvenire» in collegamento dal Quirinale, subito dopo la conferenza stampa di Luigi di Maio. Il giornalista di «Avvenire», Picariello, rispondeva così: «Il problema è tutto proiettato su conti ed economia ed è notevole: quello che arriva dai mercati attraverso lo spread è un segnale inequivocabile». Un segnale inequivocabile che ieri mattina veniva ricordato anche dal «Quotidiano Nazionale» (ovvero la testata che comprende «Nazione», «Resto del Carlino», «Il Giorno») che pubblicava un'infografica molto utile per la comprensione del fenomeno "spread", di cui improvvisamente si è di nuovo tornati a parlare. Nel 2008, si legge nell'infografica, lo spread era di 37 punti (Governo Prodi), in tre anni arriva al massimo storico (574 punti) sotto il Governo Berlusconi, scese col Governo Monti (287 punti), scese ancora con Letta toccando il minimo con Gentiloni (a Giugno 60 punti), nonostante si vede che sotto Renzi fosse arrivato a quasi 80 punti. Siamo di nuovo di fronte alle agenzie di rating che elaborano il fattore  di "rischio paese" e iniziano la speculazione finanziaria conseguente: non sono un economista, ma la storia è sempre la stessa.

La stessa da quando JPMorgan (nel 2013, in questo documento) disse che le Costituzioni dei paesi "euromediterranei" mostravano «una forte influenza delle idee socialiste, e in ciò riflettono la grande forza politica raggiunta dai partiti di sinistra dopo la sconfitta del fascismo» perché quei sistemi politici «sono stati instaurati in seguito alla caduta di dittature e sono rimasti segnati da quell’esperienza».

Il capitale agisce nervosamente armandosi di lucida razionalità consegnando agli strumenti di propaganda massmediatica nazionale e internazionale l'ideologia dominante della governabilità, facendo in modo che gli emissari della "nuova politica" si preoccupino di farsi portavoce del "superamento delle ideologie", che si traduce nell'approvazione del pensiero unico 10 volte su 10.

Il capitale agisce e attraverso la propaganda inculca quel concetto prima esposto (la governabilità) nei confronti degli elettori, dei (s)cittadini, degli italiani tutti. Se il capitale re-agisce, la politica si adegua: Salvini e Di Maio partono incendiari e fieri ma arrivano pompieri proponendo un nome come quello di Conte che si tradurrebbe in un Monti bis, senza troppi giri di parole. Un po' come la Le Pen che è partita con l'uscita dall'Euro ed è arrivata a dire come «l'uscita dall'Euro non è più una priorità».
La popolazione, tuttavia, è allo stremo (soprattutto da un punto di vista psicologico) e tremendamente confusa, dunque non comprende realmente quel che accade nell'oggi e nell'attuale: qualora il cosiddetto "governo gialloverde" dovesse insediarsi avrà modo di rabbonire una fetta consistente di popolazione attraverso proclami, spot, briciole da dare a chi sta peggio per compensare l'introduzione dell'ingiusta flat tax. Non mi stupirebbe sentire già qualcuno per strada affermando cose tipo: «Hai visto? Il governo di Salvini e Di Maio m'ha dato il sussidio x/y per la tale cosa», senza contare che non c'è nessun governo e che magari quella domanda l'aveva inoltrata un anno e mezzo fa. Cose di questo genere. [Il post è volutamente tronco e finisce così senza "lieto fine", anche perché non credo ce ne sia uno].

Il dito, la luna, il bus in fiamme, la Raggi, l'Atac e la privatizzazione taumaturgica.

Più pensavo ad un titolo e più non mi veniva in mente davvero nulla di costruttivo se non questo. Non sono mai stato un titolista, questo c'è da dirlo.


La grande stampa è alla costante ricerca dello scandalo e della titolazione sensazionalistica che colpisca, che faccia vendere copie, che crei visualizzazioni sul sito piuttosto che appurare la veridicità di un dato fatto (si può sempre fare dopo con un errata corrige che non leggerà nessuno) oppure che lo interpreti in modo da mostrare una verità "altra" rispetto alla realtà dei fatti.
Le motivazioni di quest'ultima iniziativa editoriale, chiamiamola così, comune a tutti i grandi e medi editori (nessuno escluso) di quotidiani cartacei, hanno un fine latentemente politico: l'episodio del bus in fiamme di qualche giorno fa, ad esempio, è a dir poco eloquente. La stampa indica il bus in fiamme descrivendo i fatti e arrivando alla conclusione che l'Atac è certamente in rosso, che è una vergogna che i mezzi pubblici della città di Roma versino in una condizione da ottavo mondo (magari facendo anche parlare qualche esponente radicale dato il referendum imminente) e poi arriva alla conclusione politica affermando come la Raggi abbia dichiarato che i bus in fiamme sono «comunque meno del 2017», ridicolizzando ulteriormente l'affermazione (già di per sé risibile).
La storiella del tizio che indica la luna e lo stolto guarda il dito è applicata alla perfezione, confezionando un pacchetto di disinformazione, speculazione politica e ristrettezza di visione del reale consegnandola a chiunque (nel senso più totale del termine) che ne può porre e disporre come peggio crede.
La realtà, però, è un'altra. I bus vanno in fiamme perché la Corpa, azienda che si occupava della manutenzione dei bus di Atac, non s'è vista rinnovare l'appalto e ha licenziato i suoi dipendenti. Gli autobus di Atac viaggiano senza manutenzione. Questo è il fatto, ed è gravissimo che si stia speculando sul bus in fiamme per non dire che più di cento lavoratori che operavano nella manutenzione degli autobus hanno perso il lavoro (mansione utilissima, vien da sé la considerazione).

Il clima che si sta creando attorno alla presunta necessità di privatizzazione del trasporto pubblico è palese e la questione del bus in fiamme, trattata come è stato fatto dalla stampa italiana, ha finito per essere il più grande regalo alla campagna di Radicali Italiani per la «messa a gara del servizio di trasporto pubblico». Questo perché non si è posto un serio dibattito sulla questione di Atac, sulla sua gestione e sulle esternalizzazioni ma ponendo solo l'accento sul debito dell'azienda.

Roma segna il passo: la soluzione per la sinistra è il centro sinistra (e non è una battuta triste, purtroppo).

Il giorno dopo le elezioni, specie a sinistra, si inizia a tirare le somme delle esperienze fallimentari che hanno portato questo o quel rassamblement alla sconfitta elettorale: da circa una ventina d'anni si procede in questo modo. Nel momento in cui, però, ogni organizzazione politica diventa residuale e non è più in grado né di parlare ad una propria comunità di riferimento, né all'esterno, nascono delle creature ibride e indefinite che hanno come intento (dichiarato) quello di ricostruire un patrimonio umano, politico e sociale che sentono slabbrarsi, mentre quello reale è solo il traghettare del (anche poco) consenso verso un altro progetto politico più grande che niente ha a che vedere con quell'intento sopra espresso. Associazioni, movimenti, comitati, questi gli ibridi che nascono: non sempre sono strutture definite e hanno confini impalpabili. La generazione dei trentenni, che si avvia ormai ad essere dei quarantenni, non ha avuto la gloria che sperava nell'opportunismo politico messo in atto in questi anni: le esperienze di Sel, Tlit!, Act!, L'Altra Europa con Tsipras, la neonata Futura,  insegnano. Ecco perché, quegli stessi dirigenti ed esponenti delle fu organizzazioni sopra citate, danno vita ad ulteriori contenitori per poter rilanciare un "rivoluzionario progetto" che certamente sarà compreso da ogni elettore: il centrosinistra. E non è una battuta.

Questa è la ricetta magica del cosiddetto movimentismo all'italiana o di chi ha "compreso" la residualità della sinistra in Italia. Si giustifica tutto questo affermando frasi senza senso come «si deve entrare nel partito x/y [che in questo caso è il PD] per spostarlo a sinistra», oppure, la più bella «io mi candido nel PD ma è una scelta personale, per dare uno scossone: pensa quando entrerò nelle istituzioni, avranno una spina nel fianco». O, ancora, le sempreverdi dichiarazioni di Vendola riguardo la collocazione che, secondo lui, avrebbe dovuto avere la sinistra italiana al Parlamento Europeo: «non con Tsipras ma neanche contro Shultz», un capolavoro.
Di solito, in ogni caso, il fianco "spinato" è lo stesso di chi ha pronunciato la frase, anziché quello evocato: nel giro di poche settimane il tale si renderà conto dell'impossibilità di compiere quel che diceva di fare ma continuerà opportunisticamente a sfruttare il refrain.
Entrare in un'organizzazione, carprirne le contraddizioni, aprirle e porsi alla testa del dibattito che porterà al cambiamento della stessa è la massima aspirazione di un comunista. Solo che il termine di paragone, per questa sempregiovane leva di dirigenti (nazionali e locali), è il Partito Democratico, come prima detto.

Nel corso delle elezioni primarie per i municipi VIII e III di Roma, infatti, la nuova strategia politica dell'opportunismo romano, anticamera di quello nazionale, è stata doppia: entrare a far parte in prima persona delle primarie con propri candidati (nell'VIII), sostenere ex assessori della giunta Marino (Caudo). Il fine: rilanciare esplicitamente il centrosinistra. Una ricetta nuovissima e approvata più volte dall'elettorato, come è noto a tutti!
La teoria dell'agire locale di movimenti, centri sociali e affini sembra essere davvero sfuggita di mano: si vorrebbero convincere lavoratori, pensionati, disoccupati, studenti a votare le organizzazioni che più hanno distrutto lo stato sociale, il lavoro, la scuola, le pensioni solo perché c'è una bella faccia diversa come candidato. La soluzione, insomma, non è quella di creare un blocco sociale, dar vita ad un progetto alternativo o contribuire a dar forza ad altre organizzazioni d'alternativa che si sono messe in cammino recentemente o da tempo o chessò io, nient'affatto: la soluzione è l'alleanza col Pd. Ci vuole veramente una faccia di bronzo colossale. 

Bullo a chi?

Si è fatto un gran parlare sui giornali, sulle aperture dei Tg e non solo, dello show di Berlusconi al termine delle consultazioni della coalizione a tre Berlusconi-Meloni-Salvini. Molto rumore per nulla. La questione diventa interessante dal momento che qualsiasi commentatore, così come la stampa tutta, è caduta nel giochetto del vecchio Silvio.

«Fate i bravi», dice silvione alla stampa,  «sappiate distinguere chi non conosce l'ABC della democrazia» con chi invece la conosce bene, con evidente riferimento ai cinque stelle prima e alla coalizione in cui è inserito anche il nostro, «sarebbe ora di dirlo chiaramente a tutti gli italiani».
Pare che Di Maio si sia alterato alla battuta di Berlusconi, pare che tutto il mondo abbia rivolto l'animo a quei cinque secondi al termine della conferenza stampa più che a quest'ultima.
È evidente che la stampa italiana, presa da fremiti gossippari, non sia in grado di distinguere l'importanza di una conferenza con un lampo di un attempato signore che, per quanto influente, era in evidente stato di eccitazione da mancata considerazione del suo ruolo da parte di politica e giornalisti. Un po' come quando i bambini pronunciano «mamma mamma mamma mamma mamma mamma» a ripetizione tirando la vestaglia della genitrice in cerca d'attenzione e, una volta ottenuta la parola, dicono cose a sproposito.  La notizia sarebbe dovuta essere, per l'appunto, l'andarsene di Salvini e Meloni che provano a frapporsi fra silvione e il microfono, data l'evidente smania da decenne che quest'ultimo ha nello scansare i due. 
Gli istinti gossippari, di cui sopra, prevalgono e fa notizia Berlusconi. Perché lui, volpone, sapeva che della conferenza stampa non avrebbe parlato nessuno e di lui ne avrebbero scritto tutte le testate: come a dire: «siete stati anni a dare del bulletto a Renzi ma non avete fatto i conti con me, io sono il più bulletto di tutti»

Lo Zio Sam ci riprova: il Congresso USA tenta di mettere fuorilegge l’opposizione a Israele e il movimento BDS

Il Congresso americano ci riprova: il Movimento BDS contro Israele dovrebbe essere illegale, secondo i presentatori del disegno di legge presentato in Aula.
«Qual è stata la risposta del Governo degli Usa al massacro di Gaza? Proteggere Israele», è quanto scrive David Havranek su «Liberation News» il portale online d’informazione del PSL, aderente ad AnswerCoalition. «Il disegno di legge, ora in discussionesancirebbe l’opposizione a Israele, il movimento BDSfuorilegge».

Le reazioni

Più di 100 organizzazioni hanno protestato contro la legge dichiarandosi a favore dello Stato Palestinese e per il Diritto al Ritorno: «In una nota pubblica – recita l’articolo – più di cento organizzazioni nazionali e statali hanno inviato un memorandum al Congresso americano in cui si afferma come il disegno di legge sia opprimente e diretto al movimento BDS e abbia lo scopo di soffocare la libertà di parola». Per non parlare, poi, delle pene previste nel disegno di legge per coloro i quali non vi si atterranno: «sono estreme», ha scritto Havranek. La coalizione in opposizione al disegno di legge è molto composita: tra i 100 gruppi che vi hanno aderito si trovano partiti politici, osservatori palestinesi, pacifisti, attivisti per i diritti civili e anche organizzazioni religiose progressiste.
Ben Wizner, dell’American Civil Liberties Union, ha dichiarato come il disegno di legge in questione sia «anticostituzionale» perché «cerca di imporre le opinioni politiche del Governo a tutti gli americani che scelgono di esprimersi attraverso i boicottaggi». Non solo, ma la legge «punisce i partecipanti ai boicottaggi politici in violazione del Primo Emendamento».
Un passaggio della nota pubblica spiega: «Negli ultimi due anni 24 stati americani hanno emanato leggi volte a punire partecipazione e boicottaggio politico per gli attivisti che si battono per i diritti dei palestinesi. Insieme a queste leggi statali, il provvedimento [in discussione ndt] produrrà effetti molto gravi in tutto il Paese nei confronti di chi si batte per il boicottaggio – forte del Primo Emendamento – e nei confronti di chi si vorrà avvicinare al Movimento BDS per saperne di più».
Anche il rabbino Joseph Berman di Jewish People for Peace, importante organizzazione facente parte del movimento BDS americano e firmatario del memorandum, definisce la legge una «gag bill» [legge farsa ndt], progettata per «proteggere le compagnie statunitensi che traggono profitto dagli insediamenti israeliani nella West Bank e dall’occupazione militare».

Articolo pubblicato su Pressenza

Le parole sono (molto) importanti

«Cerchiamo sales assistant», oppure «train manager» oppure ancora «store manager».
Che poi, stringi stringi, trattasi di, nell'ordine: cassiere, capotreno e quello che c'ha er negozio, più o meno.

Recentemente mi sono accorto di due annunci di lavoro di NTV, l'azienda che gestisce il treno Italo, e di Esselunga: cercavano, nell'ordine, train manager e sales assistant.
L'uso dell'inglese è cruciale (*): vuoi mettere essere sales assistant e non er cassiere?
Tutta un'altra storia, così come il train manager. Mica è er capotreno, è il train manager: comanda qualcuno, è un manager, ha un incarico di responsabilità, deve guidare un gruppo di persone e farlo bene. «Devi assumerti il rischio delle decisioni, dell'esposizione di fronte agli utenti», direbbero i capoccioni, come si dice a Roma.
Il capotreno controlla solo i biglietti durante il viaggio: «un mestiere superato», direbbero sempre quelli di cui sopra.
Nella fase attuale postideologica, per definizione la peggiore delle ideologie perché ne ammette solo una, quella dominante, pronunciare i nomi delle mansioni citate in inglese rappresenta una precisa volontà ideologica e politica: blandire i subalterni, il popolo, il proletariato, la gente, i (s)cittadini, comunque lo si voglia chiamare, per dargli l'illusione del comando e della forza che può trarre da esso.
Nonostante il periodo di lavoro del train manager, magari, sia solo di 6 mesi; uno stage; un dai-che-poi-ti-richiamiamo che non arriva mai.

Quegli annunci, e le confuse considerazioni conseguenti, mi hanno riportato alla banalità dell'uso di una lingua straniera per far sì che il potere (tanto con la p minuscola, quanto con la P maiuscola) utilizzi parole e perifrasi per illudere e acquietare il soggetto subalterno a partire dalla mansione del lavoro. È quasi banale, in effetti, l'uso che viene fatto della lingua in questione, ma sortisce l'effetto sperato, sfortunatamente.

Aiuti (in)volontari - Sdrammatizziamo
Spesso, poi, l'italiano corre in aiuto dell'inglese, tanto nelle descrizioni degli annunci di lavoro sopracitati che in altre circostanze: le perifrasi, infatti, sono la caratteristica peculiare di una colossale arrampicata sugli specchi nel descrivere le mansioni del futuro manager o dell'assistant: forse è una mia impressione, ma quando leggo annunci di questo tipo, mi torna sempre in mente la risposta di Giovanni e Aldo a Marina Massironi in Tre uomini e una gamba. «Cosa fate nella vita?», chiedeva la Massironi e Giovanni, per non sfigurare data l'appena avvenuta presa in giro a danno di Giacomo, si invola in una descrizione eccezionale:
«Beh, noi lavoriamo nella meccanica di precisione... tecnologie avanzate al servizio di progettazioni particolari e specifiche, non so arduèr... Cioè: creiamo dei supporti che poi serviranno per progettare grosse situazioni. Strumenti di precisione per una svolta futura della meccanica.. non so se mi spiego. Sì insomma abbiamo un negozio di ferramenta. Cioè non è che il negozio è nostro: noi siamo commessi».

Commessi, per l'appunto. Fosse stato per il tenore di quell'annuncio sarebbero stati degli store manager. Tizi che vendono cose dentro a un negozio non loro, sarebbe stata una perifrasi portatrice di fin troppo demerito per un sales assistant. E così ancora con il junior manager, senior account, junior developer, CEO (perché mo so tutti CEO) et cetera, et cetera.

O come, tanto per non citare i (fin troppo amati) Simpson, si disse a proposito dell'Università Bovina nella puntata in cui Lisa aveva chiesto un pasto vegetariano alla mensa della scuola e il Direttore Skinner fece proiettare, per tutta risposta, un filmato pro-carni con trippa finale fornita dall'ispettorato carni:



Ma non vi siete resi conto che siete stati appena plagiati dalla propaganda?


(*) Ci sarebbe da parlare, a tal proposito, del bilinguismo utilizzato dal Comandante Ferrer nei Promessi Sposi del Manzoni, ma già sono prolisso così, figuriamoci se metto insieme pure la letteratura e la critica letteraria conseguente. Meglio rimanere sul pop. Così come mi riservo in un secondo momento l'analisi (reale) della celebre scena dell'immigrato rimasto senza lavoro di Sbatti il mostro in prima pagina di Gian Maria Volonté, più che mai appropriato.

«Fare il premier», qualsiasi cosa voglia dire

È ricominciata la campagna elettorale. Lo si vede dalle roboanti (vibranti cit. Giorgio Napolitano) dichiarazioni vuote e senza senso provenienti dai cinque stelle, dalla Lega, dal PD e da Berlusconi.
Luigi Di Maio, leader indiscusso, del Movimento 5 Stelle, nella giornata di ieri ha scritto un post sul «Blog delle Stelle» intitolato La volontà popolare sopra ogni cosa che termina così:

«Come abbiamo detto in campagna elettorale è finita l'epoca dei governi non votati da nessuno. Il premier deve essere espressione della volontà popolare. Il 17% degli italiani ha votato Salvini Premier, il 14 Tajani Premier, il 4 Meloni Premier. Oltre il 32% ha votato il MoVimento 5 Stelle e il sottoscritto come Premier. Non mi impunto per una questione personale, è una questione di credibilità della democrazia. È la volontà popolare quella che conta. Io farò di tutto affinché venga soddisfatta. Se qualche leader politico ha intenzione di tornare al passato creando governi istituzionali, tecnici, di scopo o peggio ancora dei perdenti, lo dica subito davanti al popolo italiano».

Su tutti i giornali, ovviamente, vengono riprese le parole di Di Maio: «sono stato il più votato come premier». Massimo Bordin nel corso della sua quotidiana rassegna stampa ha ironizzato: «Adesso mettiamoci d'accordo per raccordare la presunta volontà popolare di Di Maio con la Costituzione che non parla di elezione diretta del Presidente del Consiglio [cioè il premier ndr]».  Di Maio non è che si impunta a vanvera: i (s)cittadini l'hanno votato come candidato premier, così come gli elettori della Lega hanno votato Salvini Premier etc. Ora, in tempi di crisi e di informazione deviata, è bene riprendere ogni concetto e ripeterlo fino allo sfinimento: il "Premier", in Italia, non esiste. I Governi, tecnicamente, non sono votati da nessuno, come al contrario afferma Di Maio. Nella Costituzione italiana, tanto per fare un esempio, non sta scritto da nessuna parte il termine premier, né tantomeno è mai stato normato che il candidato del primo partito debba obbligatoriamente essere designato dal Presidente della Repubblica come Presidente del Consiglio dei Ministri (non premier).  Craxi è stato per anni Presidente del Consiglio con lo PSI ben lontano dal 15%. 
Non è un problema di nomi ma di poteri: il Presidente non è eletto direttamente. Speriamo che qualcuno lo spieghi a Di Maio. 

Una vita da Emma Bonino (feat. Lo Stato Sociale)

E fai la radicale,
la parlamentare,
la pacifista, 
ma vai in Kosovo in mimetica.

Perché lo fai?

E fai la democratica,
la liberale,
sei liberista
ma hai compassione dei poveri.

E fai la candidata, 
l'extraparlamentare,
prendi lo 0,1% ma sei Ministro lo stesso.

Perché lo fai?
Perché non te ne vai?  

Unavitainvacanzaunavecchiacheballanientenuovocheavanza etc etc..


Tutte le giravolte di Lega e Movimento 5 Stelle su Euro e Europa: è iniziata la campagna acquisti. #famosevolébene

È iniziata la campagna acquisti. Di qualsiasi colore sia il nascituro governo, i due attori principali (Salvini e Di Maio) hanno iniziato una propria, personalissima, campagna volta al famose volé bene nei confronti dei vertici europei.
«Prenda me!», «No, prenda me!», sembra dicano Di Maio e Salvini su un immaginario palcoscenico di fronte ad una platea composta da un solo spettatore: Pierre Moscovici (Commissario europeo per gli affari economici e monetari) il quale prende appunti, silenziosamente.
In effetti i due sono arrivati al culmine delle loro giravolte e tuffi carpiati su posizioni spinose come Europa, dunque vincoli europei, rapporto deficit-PIL; NATO, guerre imperialiste, immigrazione e quant'altro.
I due hanno tenuto, ieri e oggi, una conferenza stampa con la stampa estera e sia uno che l'altro hanno pronunciato le seguenti dichiarazioni:
Così Salvini (Ansa del 14/03/2018):

«Tagliare le tasse porterà ad una riduzione del rapporto debito-pil e ad un aumento della ricchezza reale degli italiani. Questo lo faremo possibilmente rispettando i parametri imposti da Bruxelles, dico possibilmente, perché questi numeri con le nostre riforme prevedono che il famoso tetto del 3 per cento venga rispettato. Ovviamente, se per aiutare la crescita si dovesse sforare dello zero virgola qualche vincolo europeo, quello zero virgola non sarebbe un problema».
Così, Di Maio (AskAnews del 14/03/2018):

"Con la Ue «vogliamo avere un'interlocuzione ferma ma collaborativa», sapendo che il quadro politico europeo «ci offre nuove opportunità», e che - rispetto al proprio elettorato - «abbiamo un vantaggio: ho detto in campagna elettorale che non era più il momento di uscire dall'euro, non abbiamo mai chiesto di uscire dalla Ue, e abbiamo detto che non avremmo lasciato il Paese nel caos. Questa linea la porteremo avanti anche dopo le elezioni». Lo ha detto il capo politico del M5s Luigi Di Maio, incontrando la Confcommercio a Milano. Segnali distensivi verso la Ue anche sul tema del rispetto dei parametri: «Prima di parlare di sforamento del 3% andrei a vedere come si spendono i soldi»

Insomma nessuno ha mai detto che avrebbe fatto cose. Cose come uscire dall'UE, agitare lo scalpo dell'Italexit dall'Euro, ridiscussione del debito pubblico nelle città amministrate etc etc. Niente di niente. E se qualcuno se ne accorge è solo uno svitato, come chi sta scrivendo queste poche righe.
Distensione è la parola chiave di questi giorni pre-Governo. Termine su cui il buon Guareschi aveva già ironizzato sui rapporti fra il PCI e la Chiesa in «Don Camillo Monsignore ma non troppo»: «Beh, possiamo percorrere questa strada insieme, Senatore», diceva il neoeletto Monsignore, «siamo in piena distensione!».

Qualche anno fa, tuttavia, era ben altro il tenore dei commenti dei due vincitori delle elezioni appena conclusesi:

Rispettre i vincoli significa «calare le braghe» all'UE. Giusto un tantino differente da quanto appena dichiarato (vd sopra). Ops!

O ancora:

Meglio ancora erano le performance politiciste di Di Maio su «chiediamo il parere agli Italiani sull'Euro, così da avere potere "contrattuale" (SIC!) in più a quei tavoli [europei n.d.r.]».



Lo so che è da tempo che cito Fantozzi ma anche in questo caso non mi sembra improprio tirare in ballo il ragioniere. Tutta questa vicenda, per cui entrambi partono «incendiari e fieri ma quando arrivano sono tutti pompieri», come cantava Rino Gaetano, mi ricorda la scena del Conte Catellani, quello del biliardo e della statua della madre a cui i dipendenti dovevano inchinarsi prima di entrare a lavorare. Un giorno Fantozzi, dopo aver intruppato contro lo spigoloso ferro da maglia della statua posta al centro della scalinata, inizia a prendere a calci la struttura inanimata dicendo «Puttana! Vecchia Stronza!». Catellani, ovviamente, non poteva lasciare correre quel gesto d'insubordinazione e irrompe nella sala mensa in piena pausa pranzo: «Lo diceva sua moglie quando urlava vecchia stronza e puttana, vero?». Filini e Fantozzi, servilmente, confermarono, anzi, lo urlarono di nuovo, rivolgendo gli insulti alla povera Pina.
Le istituzioni Europee sono un po' come Catellani di fronte a Fantozzi e Filini (M5s e Lega): «Quando dicevate di uscire dall'Euro parlavate delle vostre mogli, vero?».

Ma quale "altra Europa", «rinegoziare i trattati non è possibile». [E non sono io, un signor qualunque, a dirlo]


«[…] Ovviamente le elezioni italiane rappresentano un ostacolo [come] il segnale del nazionalismo che avanza anche nei paesi che dovrebbero essere il cuore della costruzione comunitaria. Ciò detto, il pericolo per l’Italia, soprattutto nel momento in cui si apre una fase di incertezza e di instabilità che rischia di essere particolarmente lunga, è di essere messa ai margini dal dibattito sul futuro dell’Europa che riguarda la ristrutturazione della zona euro, il bilancio pluriennale dell’Ue: questioni decisive che riguardano anche il futuro del nostro Paese. 
C’è poi la possibilità che al Governo arrivi una forza come quella della Lega, Matteo Salvini ha confermato ieri come l’Euro sia destinato a finire o come il Movimento 5 Stelle, che ha attitudini molto ambigue rispetto alla moneta unica: ancora oggi si dice [dalle parti del Movimento n.d.r.] di voler ridiscutere i trattati. L’esperienza della Brexit e della [mancata? n.d.r.] Grexit insegna una cosa: l’UE è pronta a discutere con qualsiasi governo e pronta a discutere qualsiasi scenario, lasciando libertà ai suoi stati membri, però nel rispetto delle regole e di tutti. Il che significa che rinegoziare i trattati non è possibile, fondamentalmente». 

Il virgolettato, sbobinato da me medesimo, appartiene a David Carretta, corrispondente a Bruxelles di «Radio Radicale» ed è tratto dal collegamento di stamattina nell'abito del notiziario mattutino dell'emittente (lo trovate qui dal primo minuto fino a 6:45: https://www.radioradicale.it/scheda/535130/notiziario-del-mattino).
L'europeismo "di parte" di Carretta lo lascio stare per un attimo e prendo in considerazione quel che dice classificandolo come il commento di un cronista preparato in questioni europee, quale è Carretta: è evidente che quello che ha detto lo ha pronunciato conscio di quello che stava proferendo. «Ridiscutere i trattati», secondo l'UE, «è impossibile». Si può prevedere l'uscita di un Paese, come accaduto al Regno Unito, ma la ridiscussione è del tutto improbabile, anzi.
Né è ammessa dalla struttura politico-finanziaria dell'UE.

La questione, checché ne dicano gli ingenui pro-UE o i fanatici di una cosiddetta "altra Europa", è spiegata con logica cristallina dal giornalista di «Radio Radicale» e forse il commento di Carretta è più diretto a costoro (i sostenitori di una Europa "diversa") che ad altri: la riformabilità  dell'UE dall'interno è un'ipotesi inesistente e rappresenta uno scenario non contemplato dall'UE stessa. La stessa mossa dei paesi fondatori di far nascere prima l'Unione economico-monetaria e in un secondo momento organizzare la cosiddetta "Europa politica" non è un errore, come viene definito da taluni. È una scelta politica chiarissima: il sistema economico capitalista, declinato come neoliberismo, è il guscio di una struttura ademocratica, cioè priva di democrazia, e antidemocratica, estremamente contraria alle logiche di democrazia parlamentare e rappresentativa così come conosciuta per tutti gli anni '90 del Novecento; al dissenso (quale che sia) e alle politiche sociali.
È sempre più necessario agire, anche nel proprio quotidiano, da anticapitalisti non solo da antiliberisti: dichiararsi antiliberisti presuppone accettare un capitalismo moderato in cui il welfare state può ritrovarsi e riadattarsi. Quel periodo storico, tuttavia, non si ripresenterà più e i mercati fagociteranno qualsiasi iniziativa pro-stato sociale, in ogni luogo del Pianeta. Emblematiche furono le dichiarazioni della Ministra della Sanità della Lituania nel 2014: «la sanità non è per tutti ma per chi se la può permettere». Allo stesso modo gli altri servizi. È il capitalismo, bellezza.

L'evidente non voglia di vincere di tutti

Abitare a Roma, viverne una parte della sua periferia (la più densamente abitata della Città), costituisce un osservatorio privilegiato per il "politicamente parlando" e fornisce degli spunti preziosi per capire come è andata questa campagna elettorale. Un metodo empirico senza dubbio, ma decisamente interessante da analizzare e prendere in considerazione. Vuoi o non vuoi, Roma è pur sempre la Capitale d'Italia e, dunque, una qual certa speculazione politica dagli ànditi delle sue periferie (e non solo) sono da tersi in considerazione nell'ambito di qualsiasi tornata elettorale.
Le plance elettorali sono vuote: da quando sono state installate nessun bandone è stato preso d'assalto,  sebbene ci fosse una campagna elettorale non per le elezioni municipali, ma per le politiche e per le regionali. Dove c'è la ciccia, insomma.

Gli assalti all'arma bianca dei bei tempi
Ve lo ricordate Samuele Piccolo? Ecco. Chiudete gli occhi e fate finta di ritrovarvi per Viale dei Romanisti in quegli anni. Quanti manifesti state vedendo? Meno di quelli che il nostro ha affisso realmente di sicuro. Piccolo, come anche Alemanno, incartò letteralmente la città. Come pure fecero alcuni "candidati ambientalisti" che procedevano con l'affissione (tra l'altro alcuni manifesti sono ancora presenti) sui pilastri dell'A24 all'altezza dell'uscita di Portonaccio e Via dei Fiorentini.
In sostanza, e questa è una cosa che solo chi abita a Roma può comprendere, tempo fa (neanche troppo) le regole degli spazi elettorali venivano sostanzialmente ignorate e le plance per l'affissione dei manifesti venivano coperte ad ondate regolari da parte degli attacchini pagati dal candidato di turno che aveva a disposizione un numero sproporzionato di manifesti e che voleva soverchiare quello dell'altro partito mostrando la sua potenza di fuoco nell'affissione in tutti gli spazi elettorali.

Nessuno vuole vincere
Già da un po' di tempo si manifesta questa tendenza: nessuno vuole vincere le elezioni perché, altrimenti, gli "attori politici" (espressione infelice ma così tanto in voga, ormai) sarebbero costretti a prendere parte di un vero dibattito, con veri temi da discutere. E invece si parla di kannette e austerity (+Europa/Radicali), iNekRiCienestannotropi!1111! (dalla Lega in giù), ci riprenderemo la Libia, beh però alla fine noi siamo meglio di loro, via (Pd) e così via.
Qualche mese fa, in cui a Roma iniziavano a comparire le plance, i candidati usciti allo scoperto si contavano sulle dita di una mano. Alle scorse elezioni comunali, quelle in cui vinse il Movimento 5 Stelle e la sua candidata Virginia Raggi,  i manifesti sulle plance furono presi d'assalto solo nel corso delle ultime settimane: la campagna elettorale fu tanto breve quanto piena di livore e di proposte inconsistenti (del famoso audit sul debito della Raggi, che strappò voti a sinistra nell'area sindacale dell'Unione Sindacale di Base per ritrovarsi poi fregati come al solito) se non dai candidati che sapevano di non risultare eletti o rappresentati nell'Aula Giulio Cesare (Mustillo, Fassina, Adinolfi, etc). 
Ancora meno, in questa tornata, sono stati i manifesti per le regionali: tutto deve rimanere com'era, un po' come la scena in cui Fantozzi tocca il culo al Duca Conte Semenzara perché «non si deve interrompere il fluido: tutto deve rimanere come quando ho vinto». Alla Regione Lazio andrà più o meno così: nessuno deve accorgersi che ci sono state le elezioni: vincerà, di nuovo, Zingaretti e nessuno davvero si renderà conto che si è insediato un nuovo Consiglio Regionale. Anche perché, davvero, anche il più idiota a 'sto giro, s'è reso conto dell'accordo fra PD e Forza Italia/Fd'I: candidare Parisi era come dichiararsi non belligeranti o comunque ancora meno intenzionati a vincere delle politiche.
Una sfida al ribasso costante i cui finali sono: il mantenimento perpetuo dello status quo o il rutto liberatorio di Fantozzi dopo le svariate casse di acqua Bertier. Solo che bisogna capire da che parte pende quel rutto. Politicamente parlando, eh.

Emma Bonino, [il greco] e il latino.

Negli ultimi giorni di campagna elettorale Emma Bonino, capo politico della lista radicale/democristiana (*) «+Europa», diceva così, invitata ad un convegno, riguardo il sistema scolastico italiano e l'insegnamento del latino: «La scuola deve preparare più e meglio al lavoro: va bene il boom del liceo classico, ma nei Paesi vicini alla piena occupazione come la Germania cercano più ingegneri e operai specializzati che non dei latinisti».
Come a dire, va bene che vi mettete a studiare lingue morte, però capite bene che un latinista, un grecista o studiosi di queste altre materie umanistiche un po' inutili saranno disoccupati a vita: si deve preparare al lavoro mica alle filosofie. L'esempio che porta è quello della Germania, in cui si «cercano più ingegneri e operai specializzati più che latinisti». Anche se, a dire il vero, i più grandi grecisti (una lingua ancora più morta del latino, se vogliamo ragionare in termini boniniani) sono proprio tedeschi. Ma, vabbè, lasciamo perdere.
L'affermazione è infelice, senza dubbio, ma è sfortunatamente reale nel sentire comune: a fine marzo mi laureerò in Bibliografia (corso di laurea magistrale in Scienze della Storia e del Documento); mi sto preparando per gli esami integrativi dei 24 cfu per l'insegnamento (anche del latino) nei licei e negli istituti superiori e la maggior parte delle di chi mi sta attorno mi ha silenziosamente suggerito che con quel pezzo di carta non ci faccio assolutamente nulla. Insomma, tante incertezze e poca vita.

Latino e Greco
Ho frequentato i (due) licei classici di Centocelle, il Kant e il Benedetto da Norcia. Tra 13 e 15 anni non è che si abbia molta voglia di pensare e riflettere, si agisce d'impulso e d'istinto e 10 volte su 10 si sbaglia. Esattamente come ho fatto io, non azzeccandone mai una, pensando sempre d'aver ragione e avendo, ovviamente, sempre torto. Ho fatto due volte la quinta ginnasio e alla luce di un avvio nient'affatto birllante posso dire con fermezza che il latino mi ha insegnato non una ma diverse cose, così come allo stesso modo il greco.
Greco e latino mi hanno insegnato a studiare, come diceva Gramsci.
Mi hanno insegnato la necessità del mettersi in discussione e di evitare di pensare che un pur rampante adolescente abbia sempre ragione: il greco e il latino mostrano un proprio punto di vista che non è il tuo. Devi accettarlo e comprenderlo fino in fondo, altrimenti finisce che ti seccano e rifai la quinta ginnasio. 
Mi hanno insegnato a pensare in una lingua e in una mentalità diversa dalla mia.
Mi hanno insegnato, poi, l'esistenza di regole - linguistiche e non - che vanno rispettate, così come il rispetto nei confronti dell'altro. Mi hanno insegnato a mantenere la concentrazione e la calma. Latino e greco mi hanno fatto amare le nicchie, i piccoli particolari, le cose che ad occhio nudo non si notano. Mi hanno fatto sognare ad occhi aperti l'Anabasi di Senofonte e aiutato a capire chi fossi veramente.
Cose stupide nell'Italia del 2018 che sta sempre più acclimatandosi all'individualismo legato ad un sistema economico capitalista e malato che premia chi più sfrutta e chi più affossa il vicino in qualsiasi modo.

Uno qualunque e l'insegnamento del latino
Antonio Gramsci, in diversi passi dei Quaderni del Carcere scriveva a proposito dell'insegnamento delle lingue cosiddette "morte" come il latino e il greco.
«Non si impara il latino e il greco per parlare queste lingue, per fare i camerieri o gli interpreti o che so io. Si imparano per conoscere la civiltà dei due popoli, la cui vita si pone come base della cultura mondiale.
[...] Il latino non si studia per imparare il latino, si studia per abituare i ragazzi a studiare, ad analizzare un corpo storico che si può trattare come un cadavere ma che continuamente si ricompone in vita.
[...] Nella scuola moderna mi pare stia avvenendo un processo di progressiva degenerazione: la scuola di tipo professionale, cioè preoccupata di un immediato interesse pratico, prende il sopravvento sulla scuola “formativa” immediatamente disinteressata. La cosa più paradossale è che questo tipo di scuola appare e viene predicata come “democratica”, mentre invece essa è proprio destinata a perpetuare le differenze sociali. Il carattere sociale della scuola è dato dal fatto che ogni strato sociale ha un proprio tipo di scuola destinato a perpetuare in quello strato una determinata funzione tradizionale».
(*) La lista è riuscita a presentarsi in tutti i collegi d'Italia grazie all'aiuto del fu partito Centro Democratico, il cui segretario/portavoce è/era Tabacci, eletto nel 2013 perché in alleanza col Partito Democratico.

In Groenandia si discute la nuova Costituzione. IA: «Sia inclusiva»

Il gruppo parlamentare dell’organizzazione di sinistra indipendentista Inuit Ataqatigiit (Comunità inuit) ha nominato Debora Kleist come nuovo membro della Commissione Costituzionale. Da tempo, infatti, la Camera groenlandese (Inatsisartut) ha creato un’apposita commissione per redigere una nuova Costituzione e l’IA sta lavorando alacremente affinché essa dia un risultato inclusivo e non esclusivo.

«Non vediamo l’ora di continuare il lavoro in Commissione Costituzionale: un popolo libero è un popolo in cui tutti gli individui hanno una libertà interiore e vivono liberi da pregiudizi, dalla discriminazione e dall’oppressione», si legge in una nota redatta dal partito. «Il fatto che ci debba essere "spazio per tutti" è un principio cardine: l’IA l’ha posto con la massima attenzione e priorità nell’agenda dei lavori della Commissione» che lavorerà alla stesura della nuova Costituzione. La Carta fondamentale «deve includere i diritti civili e politici di tutti i cittadini».


«Per noi - continua la nota - è fondamentale che tutti quelli che si identificano come groenlandesi siano riconosciuti come tali, tuttavia allo tesso tempo dobbiamo essere all’altezza dei nostri obblighi verso le minoranze. In altre parole: dobbiamo essere inclusivi e non esclusivi e questo vale per quel che riguarda ogni identità culturale (lingua, etnia etc), abbiamo bisogno di tutti».
Il logo dell'Inuit Ataqatigiit 
(Comunità Inuit)

L’Inuit Ataqatigiit continuerà a lavorare intensamente in Commissione Costituzionale affinché si portino avanti questi valori: «il lavoro per la redazione della Carta Fondamentale deve unire il Paese e il popolo, non dividerlo».

L'Inuit Ataqatigiit e le elezioni: «Non promettiamo nulla, valuteremo a urne chiuse» 

L’IA è un’organizzazione politica di sinistra radicale, indipendentista,  che ha visto crescere i propri consensi strappandoli ai socialdemocratici di Siumut (partito affiliato alla socialdemocrazia danese) e con cui recentemente ha stipulato un accordo di Governo: alle elezioni parlamentari del 2014 ha ottenuto il 33,3% dei voti, mantenendosi sulle stesse cifre della precedente tornata elettorale. Nell’autunno del 2018, con tutta probabilità, si terranno le elezioni parlamentari in Groenlandia e la presidente dell’IA Sara Olsvig ha smentito le voci di una coalizione elettorale con i socialdemocratici di Siumut: «Non voglio rifiutare o promettere nulla a riguardo. Vediamo quel che esce dalle urne e quali opportunità si presenteranno successivamente», ha dichiarato a riguardo la Olsvig all’agenzia KNR, spiegando che per l’IA è importante mantenere la stabilità e la leadership nel Paese affermando come il partito abbia «contribuito a garantire una direzione chiara nella guida della Groenlandia».

Internet, l'alzheimer contemporaneo: Beppe Grillo cancella la memoria del suo blog

La notizia, chiamiamola così, che ieri più rimbalzava negli aggiornamenti dei siti web delle testate giornalistiche italiane è il restyling del «Blog di Beppe Grillo», emanazione della società unipersonale «Beppe Grillo srls». La notizia, oggi, è anche finita sulla quasi totalità delle testate giornalistiche nazionali e locali. Di per sé non sarebbe una grande notizia, anche perché di fatto non lo è. Tuttavia è bene soffermarsi su un aspetto di questo cambiamento.

Internet?
Il Beppe-nazionale non è nuovo a stravolgimenti o cambiamenti o anche menzogne dal punto di vista internettiano e tecnologico, il suo nuovo portale rispecchia fedelmente questa sua tendenza: eloquio, anche fuori luogo, di cose tecnologiche, spesso sconnesse fra di loro, che dovrebbero evocare un futuro possibile e immaginabile nei confronti dell'ascoltatore/lettore. Non solo post, infatti: torneranno ad essere presenti i video, come i bei vecchi tempi del blog gestito da Gianroberto Casaleggio, ma caricati su YouTube e non sulla piattaforma interna del sito.
Grillo parla di tecnologie, di "mondi possibili", di cose, come detto prima, spesso indefinite ma è molto catchy, come direbbero gli anglosassoni. Sa ammaliare l'ascoltatore e lo fa rimanere incollato sullo schermo, come quando si mise una maschera che lo invecchiava ancor di più, un camice bianco e una telecamera lo seguiva mentre ispezionava vetrini al microscopio all'interno di un laboratorio: «È il 2050 - diceva - il Movimento è al Governo: non esiste più l'Euro, il reddito di cittadinanza è una realtà, esistono solo energie alternative». La retorica del mondo futuribile, sulle cui basi c'è il più totale silenzio di tomba, è quello che fa di Grillo un narratore-web discretamente credibile nell'ambito del medium utilizzato da chi ascolta, che sia uno smartphone, un tablet o un computer.
Un po' come accadde qualche tempo fa, nel 2012, quando nel video denominato «Sequestro dei beni ai politici», Grillo se ne uscì affermando come si stava mettendo a punto «un algoritmo (!), l'SVG4 (!!!!),  di out e crowdsourcing (!!!!!!!)» che permetteva di «intensificare e intersecare i dati delle banche mondiali» e dei politici che frodano «in modo tale che non è che questa gente dice "vado via, mi dimetto", e basta. [...] Quindi metteremo a punto questo algoritmo, vi ripeto che è un cross-checking, in modo da controllare il loro 740 all'inizio e quello in corso».
Grillo pigiava tasti, chiamava il programma «Zip war air ganon», che sembra più un'arma usata dai Digimon o dai Gormiti.
Grillo pigiava lo schermo del tablet (che all'epoca avrà avuto massimo 512 mb o 1gb di memoria) affermando e declamando le potenzialità dello «Zip War Air Ganon», si tradisce tossicchiando a fine video e «Il Foglio», in un articolo del 2017, riprende l'episodio scrivendo della «quantità di supercazzole che inanella» il nostro.
«In un video del 2012, si divertiva con uno sproloquio su un programma per sequestrare i beni ai politici "Il Zip War AirGanon è questo software che (magistrale colpo di tosse per camuffare la risata) ci garantirà sia l'anonimato che la presenza dell'ufficiale giudiziario. Per ora è tutto, vi terremo informati, grazie". Una grandiosa presa in giro».
La memoria cancellata del blog
Il Grillo odierno, quello del nuovo blog, che tutti dicono essere rinnovato (sito e uomo) dati i dissidi con Casaleggio e col Movimento, è lo stesso di prima e, anzi, cancella quanto fatto precedentemente.
foto 1 - cliccare sull'immagine
per ingrandire
Il blog, fino a poco tempo fa, aveva questa veste grafica (foto1): era il sito di riferimento dell'area politica del Movimento 5 Stelle. O, per dirla con uno slogan caro ai pentastellati, un megafono del Movimento.
Un portale, mettiamola così, in cui venivano gestite le votazioni, ci si poteva registrare, commentare gli articoli e gli interventi tanto dei parlamentari e senatori, quanto di Grillo stesso: era la fucìna del Movimento 5 Stelle, la base di partenza per tutta una serie di rimandi ai portali, blog e siti locali che animavano la nascente forza politica. Il nuovo portale è un «blog di viaggi, ma anche no» secondo Grillo, una cosa diversa ma in sostanza sempre uguale che ospiterà «interviste, interventi, visite ai congressi e fiere scientifiche» come quello che campeggia in prima pagina, di un Grillo casual a Barcellona mentre parla di smart cities.

Internet, però, è una costruzione effimera: l'essere umano pensa che sia immutabile e che rimarrà nel tempo, quante volte abbiamo sentito dire ai politici o anche ai vicini di casa, parlando di questo o quell'argomento: «tanto sta su internet» oppure «è disponibile su internet gratuitamente»?
Internet è governato dall'uomo e l'uomo è la creatura più corrotta e imperfetta sulla Terra, sotto Natale - ad esempio - il sito della SS Lazio, la società di calcio, andò in down per qualche ora e non fu più rintracciabile perché qualcuno s'era dimenticato di pagare il server.
Una svista umana che avrebbe fatto perdere tutto il contenuto presente nel sito, se non si fosse rinnovato per tempo o se non si fossero fatte copie di backup. Non vorrei addentrarmi nel tecnico, dunque, ecco qui il fattaccio.

L'esempio
foto 2
Nel [precedente] blog di Grillo erano contenute tutte le votazioni, le dichiarazioni, le prese di posizione del Movimento e i video più influenti del comico/politico in questione: nel nuovo blog tutto questo scompare. Se nell'apposita barra di ricerca indicata dalla lente d'ingrandimento si digitasse «elezioni europee 2014» il risultato che verrebbe fuori sarebbe questo (foto 2, 3 - 4): gli articoli ci sarebbero anche, ma non sono rintracciabili. Semplicemente, non ci sono più. Nelle foto ho fatto una prova di ricerca digitanto, per l'appunto, elezioni europee 2014 perché, in quei giorni, avevo scritto un articolo per «Controlacrisi» riguardo le votazioni sul blog di Grillo riguardo l'adesione all'EFD da parte del Movimento 5 Stelle. Nel nuovo blog cercavo di ripescare quell'articolo ma il risultato è che è scomparso: Errore 404, pagina non trovata. Insomma, assente. Il blog di riferimento, ora, è «Il blog delle stelle» il quale, riprendendo
foto 3
anche la dicitura del precedente portale-unico <www.beppegrillo.it> («il primo magazine solo online»), non contiene affatto tutti gli articoli pubblicati in precedenza.
Ma questo l'utente inconsapevole non lo sa. Cerca sul blog di Grillo, se non lo trova non sa dove andare, né è indicato un rimando sul nuovo portale.


1984 silenzioso
Ci si sta avviando, silenziosamente e senza che nessuno se ne accorga, ad un 1984 di orwelliana memoria, in cui si mantiene il passato che più piace e quello che si vuol dimenticare lo si cancella senza troppi problemi. Questo comporterà, a lungo andare, una serie infinita di problemi e di questioni; nessuna risposta e molte domande che resteranno aperte. La questione della memoria digitale è un fatto primario tanto per il mantenimento e la diffusione della conoscenza, quanto per la ricostruzione della storia, che sia più completa e organica possibile. Si arriverà al punto da avere conservate pergamene medievali e non, ad esempio, dei files di questo o quel sito online, magari anche di rilevanza strategica per il Paese, che ha aperto e chiuso nel giro di poco. Su quali fonti si baseranno le future generazioni di storici, giornalisti etc etc che nasceranno nei prossimi anni? La domanda resta appesa, anche se, tempo fa, scherzandoci un poco, avevo già iniziato a trattare questa questione (leggi qui: https://goo.gl/FjCYGa), solo che le fonti di quel periodo (DDR/Guerra Fredda) storico ci sono.
Cosa rimarrà dei nostri giorni?

Sostien(i) Piccinelli

Clicca qui per sostenere il blog e chi lo cura #sostienipiccinelli.